Roccia dei Tedeschi

Sul crinale che domina il Vallone di Forca d’Acero si erge questa roccia che negli anni della seconda guerra mondiale fu trasformata in postazione di avvistamento grazie al lavoro degli scalpellini sandonatesi.
Tale costruzione permetteva ai tedeschi di controllare dall’entroterra il fronte che avrebbe dovuto proteggere la linea Gustav presso Montecassino dall’accerchiamento degli alleati.
Tra gli anni ’30 e gli anni ’40 il territorio era completamente coltivato ad eccezione di un rimboschimento risalente agli anni ’20, ancor oggi sono visibili i terrazzamenti con stupefacenti muri a secco.
Dalla Roccia, si controllava l’intero vallone e buona parte del paese di San Donato Val di Comino, inoltre, per completare la difesa, furono scavate diverse trincee che avrebbero dovuto proteggere ulteriormente tale roccaforte.
Con lo sbarco ad Anzio tale fortificazione non entrò mai in funzione, tranne che per ordinari controlli del territorio da parte dei soldati tedeschi. Sulla Roccia sono da apprezzare le splendide fioriture dei bucaneve e dei gigli di San Giovanni che ogni anno la abbelliscono, trasformandolo da strumento di guerra a strumento di piacere per l’animo.

LOCALITA’ DI PARTENZA
San Donato Val di Comino. Giunti in Piazza Carlo Coletti si seguono le frecce segnaletiche che portano all’imbocco del sentiero in località Largo Lago.

INFO E PRENOTAZIONI
Associazione Ecoland
Telefono: 340.8900435 (Marco)
E-mail: valdicomino@gmail.com