Dopo Londra, Parigi e Roma, un T-Rex avvistato in Val di Comino!

scoprire_31-08-14Un T-Rex si aggira per la Val di Comino! Non è uno scherzo… Complice il Festival delle Storie, il dinosauro più simpatico del web ha attraversato la valle, passeggiato per i vicoli di Gallinaro, Alvito e Picinisco. Su Instagram le foto del tirannosauro alto circa trenta centimetri spopolano da anni, seguite da migliaia di utenti italiani e stranieri, soprattutto australiani. Un caso mediatico scoppiato in rete che ha come protagonista un giovane padre capace di inventare un progetto di successo conosciuto in tutto il mondo come “T-Rex Adventures”.

UNO SCATTO NATO PER CASO
L’anima del T-Rex è il torinese Alessandro Costa. Nel 2011 inizia a fare foto al dinosauro regalato al figlio di 4 anni per provare un’applicazione sull’iPhone. Le foto girano, piacciono, e Alessandro si vede invitare alla Triennale di Milano, menzionare sui siti di tutto il mondo. «Si tratta di un dinosauro buono – spiega Alessandro Costa – che gli piace mangiare bene e adora le donne. Importuna la gente, viaggia, fa sport o si riposa. Ha un sacco di amici, altri dinosauri ed è protagonista di circa duemila scatti che si trovano cercando “Osnuflaz”, il mio nickname in rete».

LE REGOLE DI “T-REX ADVENTURE”
Gli scatti realizzati durante il Festival delle Storie, così come gli altri, sono realizzati solo con iPhone a cui viene applicato il filtro “Toaster” di IG. Le foto sono fatte Alessandro Costa senza alcun aiuto “tecnico” da parte di altre persone. Le immagini, infine, non sono ritoccate, nessun edit all’immagine, nessun trucco, niente Photoshop: il T-Rex è ritratto dentro l’immagine e mai aggiunto successivamente. Semplici regole per uno scatto complesso e suggestivo, come quello qui proposto.

-

© Riproduzione riservata